CategorieTagliaerba

Tagliaerba quale scegliere: le caratteristiche per ogni esigenza

cover marzo

Per prendersi cura del proprio giardino e avere sempre un prato perfetto è essenziale dotarsi degli strumenti giusti. Il tagliaerba, l’alleato per eccellenza sia per hobbisti che per professionisti, è l’attrezzo con cui regolare il taglio dell’erba. In commercio esistono svariati modelli, con caratteristiche tecniche diverse e specifiche per ogni utilizzo. Quali sono allora gli aspetti da considerare per fare l’acquisto giusto? In questo articolo Agridea ti darà qualche consiglio per scegliere il tagliaerba più adatto alle tue esigenze e a quelle del tuo giardino.

I fattori da tenere in considerazione

La dimensione del tuo giardino, così come il tipo di terreno, la pendenza e la presenza di eventuali piante e aiuole ornamentali sono dei fattori importanti da tenere in considerazione per capire quale tagliaerba scegliere.

Il primo consiglio che ci sentiamo di darti è quindi di fare la tua scelta in base alla superficie che devi tagliare. Per giardini piccoli puoi dotarti di tagliaerba di dimensioni più contenute, manuali, elettrici o a batteria. Per giardini di medio grandi dimensioni, fino ad arrivare a parchi molto grandi, è preferibile scegliere tagliaerba con motore a scoppio e con dimensioni più importanti in modo da facilitare il lavoro e ridurre i tempi.

È bene considerare anche l’eventuale presenza di salite e discese nel terreno. Se il tuo prato si trova in pendenza, allora il tagliaerba più indicato è un modello semovente o trazionato, vale a dire in grado di avanzare autonomamente grazie alla spinta del motore.

Diverso invece il caso di un giardino con piante, cespugli e aiuole. Per questa tipologia di prati consigliamo un tagliaerba a spinta che permette agevolmente di effettuare movimenti avanti e indietro per consentirti di evitare gli ostacoli. Se sei un fan della tecnologia, puoi affidarti anche alla comodità dei robot tagliaerba. Una volta programmato, il tuo robottino taglierà l’erba in completa autonomia.

Fra quali tipologie è possibile scegliere?

Una volta capita la struttura del tuo giardino e individuato l’uso che farai del tagliaerba, puoi passare a confrontare i modelli dei vari brand presenti sul mercato. In base al tipo di alimentazione e alle prestazioni, i tagliaerba si dividono principalmente in tre macrocategorie.

  1. Tagliaerba manuale: questo dispositivo non ha né motore né batteria e funziona con la spinta manuale. Data la sua poca funzionalità, è consigliato per giardini con una metratura quadrata molto ridotta.
  2. Tagliaerba elettrico/a batteria: si tratta di modelli leggeri e maneggevoli, indicati per prati di medio piccole dimensioni e consigliati per un uso hobbistico. Il tagliaerba elettrico è un po’ più vincolante rispetto a quello a batteria in quanto necessita di corrente elettrica per funzionare. Entrambi sono molto silenziosi e assicurano un buon taglio dell’erba.
  3. Tagliaerba a scoppio: dotato di un motore a benzina, è una soluzione performante e affidabile. È indicato sia per un uso professionale che hobbistico. L’elevata autonomia ne consente un uso per giardini di elevate metratura.

Le caratteristiche da tenere in considerazione

Potenza, tipo di taglio, lama e tipo di trazione: questi sono aspetti molto importanti da considerare per scegliere il tagliaerba più in linea con l’utilizzo che andrai a farne.

La potenza

Scegliere la giusta potenza (Watt, cavalli e Volt a seconda che si tratti di tagliaerba elettrici, a scoppio o a batteria) è essenziale per la qualità del lavoro. Acquistare un tagliaerba con una bassa potenza può rendere il lavoro molto più difficoltoso e lungo, specie nel caso di metrature ampie.

La trazione

Il tipo di trazione deve essere scelto in base all’uso del tagliaerba. Come precedentemente accennato, nel caso di molti ostacoli è preferibile acquistare un tagliaerba a spinta, Per ampie metrature in pendenza, invece, un tagliaerba semovente renderà il tutto molto più facile e veloce.

Il taglio

Fra le caratteristiche del taglio, invece, è bene considerare:

  • l’ampiezza del taglio, vale a dire il diametro della lama e quindi la superficie che il tagliaerba riesca a tagliare in una sola passata;
  • il numero di impostazioni dell’altezza del taglio per avere più possibilità di regolare l’altezza dell’erba;
  • il tipo di taglio che il tagliaerba consente di realizzare. Alcuni modelli consentono un taglio millimetrico e perfetto (elicoidale), altri invece uno più classico (rotativo) o adatto a prati in pendenza (rotativo con cuscino d’aria).

Praticità

Ultima, ma non per importanza, la praticità d’uso del tagliaerba. Uno strumento ergonomico agevola di molto il lavoro. Tieni in considerazione quindi il peso e la comodità dell’impugnatura. Considera anche la possibilità di piegare i manici in modo da occupare meno spazio quando riponi il tagliaerba in garage. Non sottovalutare la capienza del serbatoio per la raccolta dell’erba: più sarà grande e meno frequentemente dovrai fermarti per svuotarlo.

In conclusione

Il tagliaerba è lo strumento più importante per la cura del giardino. Esistono diversi modelli in commercio e, prima di acquistarne uno è importante valutare alcuni fattori e caratteristiche per scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.

Agridea è un’azienda specializzata nella vendita e nel noleggio di attrezzature da giardinaggio professionali e hobbistiche. Nel nostro negozio puoi trovare i modelli dei migliori marchi del settore. Contattaci per scegliere il tagliaerba perfetto per te per il tuo prato!